Inter, tutte le trattative sono ferme.

arnautovic.jpgSTALLO SU ARNAUTOVIC – Giorni di stallo per il mercato nerazzurro, con i dirigenti di Corso Monforte impegnati a dipanare matasse più complesse del previsto. Per l’attacco, il nome caldo continua a essere quello di Marko Arnautovic, il 21enne austriaco del Twente che ha già raggiunto un accordo di massima col club di Moratti, sulla base di un contratto quinquennale. Il problema, come noto, è proprio il Twente, che ha rifiutato in via definitiva l’offerta nerazzurra: prestito iniziale, e riscatto definitivo, con prezzo fissato a 9 milioni di euro, nel momento in cui il giocatore tornerà in campo e dimostrerà di aver risolto i problemi al piede destro. Il club olandese ha rilanciato proponendo di tenere il ragazzo in Olanda fino a che non sarà guarito, per poi venderlo a titolo definitivo. Proposta che non è però piaciuta a Branca.

MA L’AUSTRIACO PUNTA I PIEDI “VOGLIO SOLO L’INTER – “In questa situazione, la novità è la forte presa di posizione dello stesso Arnautovic, che stando a quanto raccontano i nostri informatori su al Nord ieri si è presentato nella sede del suo Club per ribadire la ferma volontà di andarsene, destinazione Milano. Basterà per sbloccare la trattativa, o il caso Arnautovic rischia di chiudersi come il caso Dzeko? Più probabile la prima ipotesi, perché al Twente, che non è certo un club ambizioso come il Wolfsburg, quei soldi servono. Fatto sta che per ora il vice-presidente Ghelfi ha annullato l’incontro previsto per lunedì a Milano con i dirgenti olandesi…

TUTTO BLOCCATO SUL FRONTE INGLESE – Non va per ora molto meglio sul fronte inglese, dove si registrano difficoltà crescenti per arrivare alla coppia del Chelsea che tanto piace a Mr. Mou, Carvalho e Deco. La richiesta degli inglesi per i due (tra i 15 e i 20 milioni, senza contropartite tecniche) è stata giudicata eccessiva dagli uomini mercato di Moratti, che puntano al prestito gratuito del centrocampista, e a un preezzo decisamente più basso per il 31enne difensore. Anche qui, l’Inter sembra per ora voler restare alla finestra, puntando molto sulla volontà dei giocatori, che hanno esplicitamente rotto con i Blues (soprattutto il centrocampista), e sembrano più che decisi a raggiungere il loro vecchio mentore all’ombra della Madonnina. Ovviamente però il Chelsea non è il Twente… e il precedente dell’anno scorso, quel Lampard che rimase a Londra quando tutti già lo vedevano in nerazzurro, preoccupa parecchio.

LE ALTERNATIVE: LUCIO PIU’ DI GALLAS – Ecco allora che Moratti e i suoi sono tornati a lavorare sulle alternative. Per la difesa, perde quota la pista Gallas, dopo che il francese, che ha ancora un anno di contratto con i Gunners, ha dichiarato di sentirsi a tutti gli effetti un giocatore dell’Arsenal, e di puntare anzi al rinnovo. Il nome nuovo è invece quello di Lucio, che piace a Mourinho e sembra essere in rapporti tesi con il Bayern. La chiave potrebbe essere Amantino Mancini, che difficilmente avrà una nuova chanche a Milano, e che di sicuro preferisce la destinazione Monaco all’ipotesi West Ham. Il suo nome potrebbe interessare Van Gaal, anche per coprire il buco lasciato da Zé Roberto, appena passato all’Amburgo.

SNEIJDER ED ELANO PER IL CENTROCAMPO – Per il centrocampo, invece, si aspettano con interesse le mosse del Real, che dovrà pur inziare a vendere. Sneijder continua a piacere molto, e sarà di sicuro inserito in un’eventuale trattativa col Real per Maicon, che secondo il suo procuratore Caliendo continua a essere un obiettivo dei Galacticos (“Mi aspetto che facciano un vero e proprio assalto”, ha detto ieri). E torna d’attualità anche Elano, che già qualche settimana fa si era praticamente offerto all’Inter.

IPOTESI HAZARD – Un nome spuntato negli ultimi giorni è invece quello di di Eden Hazard, giovanissimo regista belga del Lille esploso quest’anno in Ligue 1. Forse non ancora maturo per la Serie A, è però un giocatore davvero interessante, anche per la capacità di giocare sia da trequartista puro, che da regista più arretrato. Se l’ottica è quella ribadita giusto ieri da Mourinho (“Servono giovani per continuare il ciclo”) potrebbe essere una scelta molto più sensata rispetto a quella di Deco.

(it.eurosport.yahoo.com)

Inter, tutte le trattative sono ferme.ultima modifica: 2009-07-03T19:12:18+02:00da enrico17000
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento