Juve, Cobolli: “Nedved non cambia idea, si ritira”

pavelnedved1ape.jpg

Un altro anno di carriera, un altro anno con la maglia della Juve, per Pavel Nedved, alias ‘l’uomo d’acciaio’. Da qualche giorno si sono sparse voci in tal senso a Torino e il gol al volo che ha siglato contro la Roma ha dato ancor più fuoco alla passione dei tifosi per l’intramontabile ceco (che però toglierebbe spazio al sempre più emergetne Giovinco). Però il presidente Giovanni Cobolli Gigli getta acqua sul fuoco e gela le speranze: “Non ha fatto alcun dietrofront”. E comunque ora sia il centrocampista che la squadra e la società hanno altro a cui pensare. C’è una rincorsa all’Inter da mantenere viva, malgrado sett punti siano moltissimi vista la solidità (in Italia…) dell’armata di Mourinho: “Abbiamo il dovere di provare a vincere tutte le gare. Il successo di Roma è stato prezioso e ora diventa fondamentale lo scontro diretto di Torino contro l’Inter”.

“Mourinho ha detto che, se il campionato è ancora aperto, è merito nostro? E’ un complimento. Noi provinciali? No, non ha detto così. E se lo avesse detto, farei finta di non sentire e non commenterei”, ha poi aggiunto il presidente bianconero. Che poi torna sugli obiettivi della sua Juventus e precisa: “Il nostro obiettivo è quello di andare in Champions e di restarci stabilmente, dopodichè da qui al termine del campionato proveremo a vincerle tutte, giocandoci tutto nel match di Torino contro l’Inter”.

Tornando a Nedved comunque ha parlado anche il suo procuratore Mino Raiola. Che apre qualche spiraglio rispetto alle parole di Cobolli: “Nedved ha dato il suo addio, io cercherò di farlo restare. Ma ovviamente se la Juve non lo vuole è un altro paio di maniche. Però a me questo non risulta, ha spiegato a calciomercato.it. “La Juventus mi ha detto anzi che in qualsiasi momento Pavel deciderà di restare loro saranno pronti a rinnovargli il contratto”.

 

(affaritaliani.it)

Juve, Cobolli: “Nedved non cambia idea, si ritira”ultima modifica: 2009-03-23T17:08:00+01:00da enrico17000
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento